Questo sito utilizza alcuni cookie per migliorare la navigazione e comprendere le modalità di utilizzo del sito.
Clicca su "Leggi di più" per maggiori informazioni.

DAVIDE CONTI

ALLEGORIE DEL CONTEMPORANEO

Storie e gesti dal mito alla realtà

 

a cura di ILARIA ROSSI

 

 
Inaugurazione sabato 28 febbraio 2015 alle ore 18.00

fino al 16 aprile dalle 17.00 alle 20.00 dal martedì al sabato

 

Le opere di Davide Conti sono vere e proprie allegorie contemporanee in cui, grazie a  una tecnica e una ricerca compositiva eleganti e attentamente calibrate,

unitamente a conoscenze e fonti differenziate che vanno dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al cinema, dalla letteratura alla semiotica,

fino alla cultura shibari, l'uomo può ritrovare la sua vera sostanza.

"Passione", stampa fine-art su carta Canson, 100x120 cm, 2014

È la Storia dell'uomo quella raccontata nelle fotografie di Davide Conti: una lunga narrazione che ci pone davanti all'essenza dell'essere umano, alla sua potenza, alla sua grandezza, ma anche alla sua debolezza, ai suoi lutti e ai suoi travagli. I modern paintings di Davide Conti ci offrono una vera e propria illustrazione della contemporaneità attraverso un ricco vocabolario di simbologie, di rimandi, di conoscenze visive e tecniche. Davide Conti fa proprie le iconografie e le vicende affrontate nel corso di secoli di storia delle immagini e le rende specchi in cui guardarci per riscoprirvi le paure, le incertezze, le costrizioni del mondo contemporaneo, ma per rammentarci anche delle possibilità, della bellezza e dell’armonia. Proiettate in uno spazio senza luogo, in un tempo immobile, in cui solo il gesto e il suo significato assumono importanza esse riportano alla luce la vera essenza del racconto umano.

I “suoi” corpi nudi hanno una potenza quasi scultorea, che il contrasto con lo sfondo scuro esalta e accresce: questi si offrono al nostro sguardo nella loro unicità, al di fuori e oltre ai canoni estetici o all'idea di una bellezza classicamente riconosciuta. Il corpo, vivo e sofferto, assume nuovi significati e diviene immagine di una lotta che in primo luogo è interiore, ma anche rivolta verso il mondo esterno e le sue barriere (morali, etiche, politiche, religiose), perché solo il corpo può stabilire una comunicazione perfetta, "niente di tangibile eguaglia il corpo umano in quanto materia estetica" (Bernard Berenson).

Ruolo fondamentale è riservato alla figura femminile: protagonista, deus ex machina, forza generatrice e distruttrice allo stesso tempo, a cui viene ridonato il potere sull’uomo e sugli eventi. Le opere di Davide Conti sono dunque vere e proprie allegorie contemporanee in cui, grazie a  una tecnica e una ricerca compositiva eleganti e attentamente calibrate, unitamente a conoscenze e fonti differenziate che vanno dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al cinema, dalla letteratura alla semiotica, fino alla cultura shibari, l'uomo può ritrovare la sua vera sostanza.

 

Ilaria Rossi

Davide Conti, nasce nel 1970 a Bologna dove frequenta l’Istituto d’arte e l’Accademia di Belle Arti, diplomandosi nel 1993 in pittura. Nel 1991 è ammesso come borsista al Collegio Artistico Venturoli, dove rimane fino al 1998. Parallelamente alla sua attività artistica, sviluppa la passione per il design grafico e la fotografia, vissuta sin dall’infanzia, grazie alla passione del padre, diventa parte integrante del suo percorso professionale e artistico.

I suoi lavori sono un connubio di costante contaminazione tra la pittura, le arti figurative, il graphic design e la fotografia.

Di recente ha scelto Misano Adriatico come base di lavoro, ma senza dimenticare Bologna. Ha esposto le sue opere in molte mostre, collettive e personali.

 

 

 

 

Galleria B4 - Via Vinazzetti 4/b Bologna - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

P.IVA 04286570371 CF. PGNLVC58T01E289V - Note legali - privacy - crediti:www.creativecrew.it